Arias
Dúos...
Óperas
Cantatas
Compositores
Switch to English

María Estuardo

Compositor: Donizetti Gaetano

Arias (partituras para voz y piano):

Elisabetta (Soprano)

Ah! quando all'ara sorgemi…Ah dal ciel discenda un raggioQuella vita a me funesta

Leicester (Tenor)

Ah! rimiro il bel sembiante

Maria Stuarda (Soprano)

Ah! se un giorno da queste ritorteDi un cor che moreOh nube! che lieve per l'aria ti aggiri...Nella pace del mesto riposo

Partitura vocal

"María Estuardo" PDF 14Mb

Partituras de orquesta

"María Estuardo" PDF 58Mb "María Estuardo" PDF 61Mb
OvertureQui si attendaSi vuol di Francia il Rege (Elisabetta)Ah! quando all'ara scorgemi (Elisabetta)In tal giorno di contento (Giorgio Talbot, Elisabetta)Ah! quando all'ara sorgemi…Ah dal ciel discenda un raggio. ElisabettaFra noi perché non veggio (Elisabetta, Roberto)Hai nelle giostro o Talbo (Giorgio Talbot, Elisabetta, Roberto)Questa imago questo foglio (Giorgio Talbot, Roberto)Ah! rimiro il bel sembiante. LeicesterSei tu confuso (Elisabetta, Roberto)Era d'amor l'immagine (Roberto, Elisabetta)Allenta il pie ReginaOh! nube che lieve per l'ariaQual suonoNella pace del mesto riposoAh! non m'inganna la gioia (Roberto)Da tutti abbandonata (Roberto)Qual loco e questo (Elisabetta, Roberto)E sempre la stessa (Elisabetta, Giorgio Talbot, Roberto)Deh l'accogli (Roberto, Elisabetta, Giorgio Talbot)Morta al mondo e morta (Elisabetta, Roberto)Va preparati furente (Elisabetta, Giorgio Talbot, Roberto)E pensi e tardi (Elisabetta)Quella vita a me funesta. ElisabettaRegina a lei s'affretta (Roberto, Elisabetta)Ah! deh per pieta sospendi (Roberto, Elisabetta)D'una sorella o barbara (Roberto, Elisabetta)La perfida insultarmi anche voleaO mio buon Talbot (Giorgio Talbot)Delle mie colpe lo squallido (Giorgio Talbot)Un altra colpa a piangere (Giorgio Talbot)Vedeste vedemmo oh truceAnna qui piu sommessi favellateIo vi rivedo alfinDeh! tu di un umile preghieraOh colpo!The cannon shot!D'un cor che muore reca (Giorgio Talbot)Giunge il Conte (Giorgio Talbot, Roberto)Ah! se un giorno da queste ritorte. Maria Stuarda